..................................................................................................

_________________________________________________________________

martedì, febbraio 26, 2013

Un amico

L'ho conosciuto nel mio anno in più del liceo, l'ultimo e inutile.
Mi è stato simpatico fin dal primo momento, forse perchè abbiamo subito scoperto una passione comune: la bicicletta. Per il resto siamo completamente diversi. Forse anche l'Inter ai tempi ma ora non guardo quasi più le partite.
Lui di famiglia ricca, figlio di imprenditore e viveva in una villa bellissima, grandissima e con un parco.
Ma quando si pedala la fatica è quella, quando si va in salita le gambe fanno male comunque. Certe attività accomunano, ti fanno provare rispetto perchè sai che quello che senti tu non è molto diverso da quello che sente un altro.
Entrambi scegliemmo ingegneria, lui civile io elettronica.
Entrambi non riuscimmo a finire gli studi. Lui smise quasi subito, un anno o due, io invece mi ostinai perchè...perchè l'ho già scritto e qui non è importante.
Quando smise non ebbe il problema di trovar lavoro. L'azienda di suo padre...
Era anche un ateo mangiapreti, un bestemmiatore incallito...beh...forse anche quello me lo rendeva simpatico.
Col passare degli anni me lo ritrovai berlusconiano, ne aveva motivo. Di certo non potevo fargli discorsi di saccoccia, proprio alla saccoccia guardava.
Nel suo ufficio c'era un foglio appeso alla vetrata: A.N.A.S, e sotto questa sigla un disegno di un porco con scritto: "Associazione Nazionale Allevamento Suini". La sua azienda era coinvolta nella costruzione strade...li conosceva quelli dell'ANAS.
Un giorno - quanti anni son passati - ritornai con altri amici nel suo ufficio per organizzare un'uscita in bici. Era il periodo in cui in  primavera andavamo in Belgio per il Giro delle Fiandre, quello per cicloturisti, il giorno prima della corsa per professionisti. Per me era anche l'unica vacanza, si spendeva poco ed eravamo nel paradiso dei ciclisti.
Ci accolse con un sorriso beffardo sulla porta del suo ufficio, niente di che, una scrivania dietro una porta a vetri e nessuna pianta di ficus. Sorridendo, quasi ridendo ci disse: "Mi sono iscritto alla compagnia delle opere, sono diventato un ciellino". Lo guardammo straniti, qualcuno disse:" EH, alla compagnia delle opere, tu CL...ma se l'unica preghiera che hai detto nella tua vita è porcodio"!
Rispose: "Dico anche porca madonna, ma sai quanto lavoro mi danno"?
E rise.

Ho guardato i risultati delle elezioni in Lombardia poco fa, mi vien da piangere.



Nessun commento: