..................................................................................................

_________________________________________________________________

mercoledì, gennaio 27, 2021

Ancora qualche fotografia

 Qualche foto di Gorgonzola del 26 gennaio 2021.

Non c'entra nulla con le foto ma mi chiedo, dopo aver ascoltato un telegiornale di France 24, come mai chiamino Salvini e Meloni, rispettivamente, l'uno il leader di un partito di estrema destra e l'altra leader di un partito neofascista, mentre in Italia, ascoltanto e leggendo le notizie, siano entrambi solo parte di un generico centro-destra. Un po' come quando hanno arrestato l'omonimo del parlamentare austriaco catturato con la divisa del regno d'Italia e poi impiccato a Trento che, mentre nei vari notiziari internazionali veniva descritto come estremista di sinistra o comunista, in Italia veniva chiamato terrorista. Non sono solo parole.

 









 

 

 

lunedì, gennaio 25, 2021

Una camminata anche oggi e qualche foto

 Una camminata anche oggi, più o meno lo stesso percorso di ieri, con la differenza che oggi ho portato la macchina fotografica, tanto per far finta di far qualcosa, e non ho incontrato nessuno.

Mi piace camminare da solo, nonostante tutto. Quello che odio sono gli incontri che mi fanno sentire di troppo anche quando sono solo.

 









 

domenica, gennaio 24, 2021

Passeggiata sul naviglio

 Un paio di orette di camminata sull'argine, ora pista ciclopedonale asflatata.

Tanto tempo che non faccio un bel giro in bici. Non scatto più foto. Sto in casa ed esco solo per la spesa e per poco d'altro, da prima di quando è iniziata questa peste.

Ho incontrato un mio amico e sua moglie e abbiamo scambiato 2 parole.

Poi un altro mio amico accompagnato da un'altra persona che non mi ha presentato.

Odio chi non ha l'accortezza di fare le presentazioni, anche nella maniera più informale possibile, in questo sono molto ottocentesco. Trovo molto imbarazzanti quelle occhiate interrogative tra sconosciuti che, complice anche l'età e la mascherina, frugano nella memoria per cercare di ricordare se lo sconosciuto non sia poi tanto sconosciuto. Già mi è capitato di non riconoscere persone con cui anni prima avevo passato non poco tempo.

Dopo aver scambiato una parola e mezza con il mio amico ci siamo salutati e la sconosciuta è rimasta una sconosciuta.

Ho continuato la mia camminata, da solo.


giovedì, gennaio 21, 2021

Una brutta fine per un peggior inizio

Propongo di candidare Donald Trump all'oscar per la carriera. La sua interpretazione del presidente, in alcuni momenti, aveva quasi tratti di realtà.


La cerimonia del giuramento, o insediamento, del presidente degli USA è quasi più noiosa del superbowl. Ma, per fortuna, come nel superbowl c'è l'intervallo e canta Lady Gaga






lunedì, gennaio 11, 2021

saluti

 Però!

È dal 2 di giugno che non scrivo niente qui.

Magari non è un male.

martedì, giugno 02, 2020

2 di giugno 2020

Mi è piaciuto il concerto trasmesso dai giardini del Quirinale (nome proprio di palazzo nonché colle romano, sì, ci vuole la maiuscola) per orchestrina di soli archi e un clavicembalo, con tutti i musici mascherinati.
Fiati, ottoni e tutti gli strumenti in cui si sputacchia banditi a data da destinarsi.
Per le percussioni non so che dire, comunque non c'erano.
D'altra parte con tutti i tromboni che abbiamo ascoltato da febbraio, e stiamo ancora ascoltando, per la banda possiamo aspettare ancora qualche settimana senza farci venire le lacrime agli occhi.
Sempre per l'occasione del 2 di giugno il Corriere, settimana passata, ha regalato una mascherina tricolore.
Già il mese scorso, mi pare, ne aveva regalata una, bianca, non tricolore, in piena emergenza mascherine a 50 centesimi più IVA.
E mi vien da pensare che quando è scoppiata l'epidemia di AIDS i preservativi non li regalava nessuno, nemmeno tricolori.

domenica, aprile 12, 2020

Aria di Pasqua

Non posso dire di accorgermi respirando ma l'aria è sicuramente di una limpidezza che non ho mai visto qui nella cloaca padana durante la mia vita. Anche oggi, giornata col cielo velato e senza vento, si vedevano le montagne. Persino Venere mi sembra più brillante del solito.
Secondo me - è solo un'impressione perchè non posso sapere nulla, specialmente leggendo i numeri senza senso che vengono estratti durante i telegiornali e le conferenze stampa - questo è l'unico vero effetto di questo stretto confinamento.
Perchè per me questa quarantena è un po' come la diga del Vajont. Per tenere tiene, ma è stata costruita addirittura dopo che l'onda è passata. Non che potessero costruirla prima, ma ormai potrebbero aprire un po' di più le chiuse invece che continuare a giocare alla caccia al cattivo passeggiatore solitario.

martedì, aprile 07, 2020

Amuleti

In Francia l'hanno chiamato voltafaccia l'improvviso cambiamento delle direttive del governo sulle mascherine. Da inutili sono state promosse a protezione sanitaria e consigliate anche alla popolazione. Anche loro ne soffrono la carenza.
Insomma, non si sa servano a tutti o solo al personale sanitario ma male non fanno, dunque usatele.
Mi viene in mente quell'episodio che si racconta della vita di Bohr, il fisico. Un visitatore entrò nella sua stanza e si accorse che aveva attaccato al muro un ferro di cavallo e, stupito che un uomo così razionale avesse un amuleto, gli chiese se credesse che portasse fortuna. Bohr rispose: "No, non ci credo, ma mi hanno detto che funziona lo stesso".
Protezioni per la salute come talismani.
Mascherina, crocifisso e burqa anche per gli uomini.
L'importante è crederci.

sabato, aprile 04, 2020

Peste

Autorità che fanno la morale su argomenti che dovrebbero essere scientifici (ma visto come danno i numeri ho forti dubbi che lo siano).
La domanda di maggiori controlli da parte del gregge non ancora immune. Tracciatemi, vi prego!
L'ordine sociale dato dall'immobilità.
Esercito per le strade.
L'immondo denaro contante, sterco del diavolo e pieno di microbi.
I commenti della gente verso chi non si uniforma perfettamente. "Guarda quello, in giro col cane con le maniche corte senza guanti né mascherina, ma dico, magari non serve ma almeno per prudenza" (giuro che l'ho sentita, ed effettivamente tirava un'arietta fresca che, vedendolo con le maniche corte, rabbrividevo per lui).
Per gli amanti dell'ordine, dell'autorità e fedeli al capobranco questa peste è come la manna dal cielo.

venerdì, aprile 03, 2020

The poetry of confinement

The poetry of confinement (Shakespearean sonnet)

Stay at home
do your cocks
and don't break my minkia.

giovedì, aprile 02, 2020

Umilltà

Sì, preferisco gli umili agli arroganti gradassi.
Ma quando vi chiedono di esserlo per prima cosa chiedetevi chi cazzo è il deuncolo che avete davanti e si permette di giudicarvi e consigliarvi.

martedì, marzo 31, 2020

Turandot

La Turandot è un'opera di fantasia ambientata in Cina ma è enormemente più reale dei numeri che i cinesi hanno comunicato al mondo in questi mesi.
Non capisco come possano continuare, gli esperti, a confrontare questi numeri fantasiosi e irrealistici con i numeri che tutto il mondo ci sta dando oggi, seppur anche questi abbastanza fantasiosi e carichi di errori dettati da spicciole convenienze politiche e limiti pratici, per ricavarne modelli statistici.
Con quei numeri non si fanno neppure modellini!


venerdì, marzo 27, 2020

Silenzio

Se non ci fosse la malattia un mondo con le strade quasi vuote (anche se non le utilizzo quasi mai), la gente che non ti sta attaccata quando ti parla e le file ordinate a 3 metri di distanza l'uno dall'altro per me sarebbe un sogno.
La prossima volta che andrò a fare la spesa anch'io metterò la mascherina. Non per protezione (sia mia che altrui) ma per mimetismo. Nel supermercato in cui vado la consigliano caldamente e io odio sentirmi osservato.
Il silenzio della notte che quasi continua di giorno: negli ultimi tre giorni anche il suono delle sirene delle ambulanze è molto calato.
E quando sarà finito tutto questo il mondo non sarà più stesso. Come è sempre stato. Come oggi non è ieri.

lunedì, marzo 23, 2020

spread

OK, in un caso è un nome e nell'altro un verbo, ma sono anni che 'sto spread rompe the balls!

sabato, marzo 14, 2020

distanze

Trovo interessante osservare come varia la percezione delle misure da persona a persona.
Il metro regolamentare varia, a seconda del cassiere o di chi ti serve al supermercato, da 75 cm a circa 3 metri (e se fai un passettino, per vedere cosa comprare, portandoti a 2.75 metri si sbracciano intimandoti d'allontanarti: dagli all'untore).
Dalla temperatura percepita alla distanza percepita.
Se il "pensiero scientifico" in tutti questi anni ha prodotto tutto questo, io rivaluto l'oroscopo.